Home > C'era un volta..., Cultura e dintorni > Si racconta che…

Si racconta che…

Genrikh Chepukaitis, un Maestro originario di Leningrado (ora S. Pietroburgo) il cui rating era di 2420 punti ELO FIDE, è stato un  giocatore specializzato nei  tornei lampo. La sua forza di gioco in questo tipo di competizione era a dir poco impressionante tanto è vero che quando partecipava nei tornei blitz, era solito precedere in classifica giocatori come Kortchnoj, Bronstein, PetrosjanTal etc. (praticamente i più forti giocatori lampo del mondo). Un giorno Chepukaitis fu invitato da Mikhail Tal in persona a giocare alcune partite lampo nella sua stanza d’albergo.  Il  Maestro di Leningrado accettò di buon grado l’invito e all’orario stabilito, andò a trovare l’ex Campione del Mondo. Dopo aver bussato, un tizio di mezz’età che Chepukaitis non conosceva gli aprì la porta. Costui gli disse che Misha (Tal, N.d.R.) era uscito perché doveva sbrigare alcune commissioni, che sarebbe tornato al più presto e che lo invitava ad aspettarlo nella sua stanza, nel mentre avrebbero giocato alcune partite lampo. Chepukaitis accetta e racconta : ” Sapevo che Misha viaggiava spesso con suo zio Robert, così pensai che il tizio di mezz’età fosse lui. Naturalmente rimasi e accettai l’offerta di giocare alcune partite per trascorrere il tempo in attesa del ritorno di Tal. Nella prima partita non giocai con molta attenzione e fui letteralmente schiantato; ma quando cominciai a perdere di seguito altre quattro partite di fila, andai nel pallone. mai avevo perso in questo modo e mai fui schiantato come la flotta russa in fiamme nella battaglia di Tsusima del 1905. Potevo essere schiantato in questo modo da Tal, non certo dallo zio Robert!

Comunque, con grande sforzo, riuscì a pareggiare il risultato e quando finalmente Tal arrivò, il tizio disse che mi aveva riscaldato.

In effetti, il tizio aveva ragione: avevo vinto contro Tal per 8-1.  Tal, però,  non si scompose e disse: ” Vedo che Rashid Gibiatovich ti ha riscaldato molto bene, ci vediamo domani alla stessa ora.”

Fu così che Chepukaitis incontrò il più grande genio delle combinazioni di scacchi: Rashid Gibiatovich Nezhmetdinov.

Per la cronaca il giorno dopo, Tal vinse contro Chepukaitis per 16-1 ma questa è un’altra storia.

Una celebre fotografia del grande campione tataro

La copertina del volume della celebre “serie nera” dedicato a Rashid Gibiatovich Nezhmetdinov

  1. 17 aprile 2013 alle 10:37 PM

    Hello i am kavin, its my first occasion to commenting anyplace, when i read this article
    i thought i could also make comment due to this brilliant article.

  2. 2 maggio 2013 alle 7:16 PM

    Hello mates, good article and pleasant arguments commented here, I am actually enjoying by these.

  3. 19 maggio 2013 alle 1:04 AM

    When someone writes an paragraph he/she retains
    the image of a user in his/her mind that how a user can be aware of it.
    Therefore that’s why this article is perfect. Thanks!

  4. 22 settembre 2014 alle 10:05 PM

    What’s up, constantly i used to check blog posts here in the early
    hours in the break of day, since i like to learn more and more.

  5. 12 dicembre 2014 alle 4:52 AM

    Thanks for every other informative web site. Where else could I am getting that type of information written in such an ideal method?
    I’ve a challenge that I’m simply now running on, and I have been at the look out for such information.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: